Settori
 
 
 
 
 

 

Giornata di Studio

IL CAMPIONAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO,
SUPERFICIALI E SOTTERRANEE E DEI SEDIMENTI
Metodi, problematiche ed esperienze di applicazione

martedì 5 luglio 2005

Istituto Milanese Martinitt - Milano, Via Pitteri, 56


 

Il campionamento può definirsi come l’operazione di prelevamento della parte di una sostanza di dimensione tale che la proprietà misurata nel campione prelevato rappresenti, entro un limite accettabile noto, la stessa proprietà nella massa di origine.
In altre parole, il fine ultimo del campionamento ambientale è sempre quello di consentire la raccolta di porzioni rappresentative della matrice che si vuole sottoporre ad analisi.
Il campionamento costituisce quindi la prima fase di ogni processo analitico che porterà a risultati la cui qualità è strettamente correlata a quella del campione prelevato. Per tale motivo, il campionamento è una fase estremamente complessa e delicata che condiziona i risultati di tutte le operazioni successive e che di conseguenza incide in misura non trascurabile sull’incertezza totale del risultato dell’analisi.
Gli studi disponibili mettono in evidenza che l’incertezza associata al campionamento può contribuire anche per il 30-50% all’incertezza associata al risultato analitico finale ed è di gran lunga più elevata rispetto all’incertezza associata alla fase analitica (circa il 5%).

Fonte: “Metodi analitici per le acque”

Scopo della Giornata di Studio odierna è quindi quello di fare il punto della situazione in materia di campionamento di acque di scarico, superficiali, sotterranee e sedimenti, approfondendone: piano di campionamento, scelta del metodo e delle apparecchiature di campionamento, conservazione del campione, come fasi fondamentali per una corretta descrizione del fenomeno da analizzare.

Sede del Seminario:
Istituto Milanese Martinitt
Via Pitteri 56 (tangenziale Est – uscita Rubattino)
Autobus 54 o 75 da Lambrate (MM2)

Programma

9.00-9.20 REGISTRAZIONE

9.20-9.30 APERTURA DEI LAVORI
Prof. ALBERTO FRIGERIO, GSISR, Milano

Presiede: Dott. MARCO MAZZONI, CTN_AIM, ARPA Toscana, Firenze

ACQUE DI SCARICO

9.30-10.00 Aspetti legali connessi al campionamento degli scarichi
Avv. LUCA PRATI, Studio Legale Garuti Prati Santoro, Milano

10.00-10.45 Il campionamento delle acque di scarico: obiettivi, tipi di campionamento, conservazione del campione, ecc.
Ing. FRANCESCO BRUNETTI, Responsabile U.O. Risorse Idriche e Naturali, ARPA Lombardia, Dipartimento Provinciale, Milano

10.45-11.00 DISCUSSIONE
11.00–11.15 COFFEE BREAK

ACQUE SUPERFICIALI, SOTTERRANEE E SEDIMENTI

11.15-12.00 Il campionamento dei laghi e dei corsi d’acqua: metodi e problematiche
Prof. ROBERTO BERTONI, Responsabile, Sez. di Idrobiologia ed Ecologia delle Acque Interne, Istituto per lo Studio degli Ecosistemi (ISE), CNR, Verbania Pallanza

12.00-12.45 Il campionamento delle acque sotterranee: metodi e problematiche
Dott. GIAN PAOLO DROLI, Studio Idrogeologico Geoeco, Udine

12.45–13.00 DISCUSSIONE
13.00–14.00 PRANZO A BUFFET

Presiede: Dott. MARCO MAZZONI, CTN_AIM, ARPA Toscana, Firenze

14.00-14.45 Il campionamento dei sedimenti: metodi e problematiche
Dott. PIERO GUILIZZONI, Sez. di Idrobiologia ed Ecologia delle Acque Interne, Istituto per lo Studio degli Ecosistemi (ISE), CNR, Verbania Pallanza

IL CAMPIONAMENTO IN AUTOMATICO E LE ANALISI IN CONTINUO: DALLA TEORIA ALLA PRATICA

14.45-16.15 Consigli e suggerimenti per l’utilizzo dei campionatori automatici e degli strumenti per le analisi in continuo alla luce delle metodiche per le analisi delle acque
Dott. ALBERTO CHIOETTO, Dott. MAURIZIO CHIOETTO, Membro Commissione UNICHIM

16.15-17.00 Esempi pratici di utilizzo dei campionatori automatici delle acque reflue e superficiali
Dott.ssa CLAUDIA LASAGNA, AMGA SpA, Genova

17.00-17.15 DISCUSSIONE E CONCLUSIONE




20131 Milano Viale Lombardia 8 - Tel. 02.23.95.13.56 Fax 02.26.68.80.35 - gsisr@gsisr.org
Ultima modifica: 28/06/05
Sito ideato e realizzato da: Federico Bierti