2/07/2009 – Giornata di Studio – TECNICHE SPINTE NELLA GESTIONE DEI SITI INQUINATI “DIFFICILI”

TECNICHE SPINTE NELLA GESTIONE DEI SITI INQUINATI “DIFFICILI”
Massimo risultato e minimo sforzo per acquisire i parametri chimico-idrogeologici
e per la governance dell’emergenza

giovedì 2 luglio 2009

Milano

Richiesto accreditamento all’Ordine dei Geologi della Lombardia
(valido su tutto il territorio nazionale)
ai fini dell’Aggiornamento Professionale Continuo

Iscrizioni aperte a tutte le professionalità


 
 

Suolo e acque sotterranee sono beni di fondamentale importanza per l’ambiente e per l’uomo
e non si può condurre una gestione e una politica che non abbia tra gli obiettivi principali la loro preservazione.
Passi enormi sono stati fatti rispetto allo sviluppo di tecniche per il trattamento
dei suoli e delle acque sotterranee inquinati, ma l’ampia varietà e complessità di inquinanti che persistono
da molto tempo in eterogenei scenari di inquinamento, le problematiche connesse all’applicazione delle tecnologie
e al rispetto dei limiti imposti in continua evoluzione, richiedono interventi sempre più difficili da gestire
e spesso non in grado di restituire le caratteristiche e la completa funzionalità originali.
A tal proposito, la Giornata di Studio odierna si propone di riunire esperti del settore,
studiosi del mondo accademico e delle Pubbliche Amministrazioni, per relazionare e confrontarsi
sulle strategie tecniche, politiche, economiche e sociali per la gestione di siti “difficili”.

Sede della Giornata di Studio:
HOTEL LOMBARDIA
Viale Lombardia 74/76 – 20131 Milano
Ingresso sala: portone verde in Viale Lombardia fra il civico 66 e il civico 68

Come raggiungere l’Hotel Lombardia

Hotel convenzionati

Opportunità di sponsorship

Programma

9.15-9.45 REGISTRAZIONE

9.45-10.00 APERTURA DEI LAVORI
Prof. ALBERTO FRIGERIO, Presidente GSISR, Milano

Presiede: Dott. GIAN PAOLO DROLI, Studio Idrogeologico Geoeco – LINFA, Udine

10.00-10.30 La progettazione del monitoraggio e dei prelievi: una garanzia per il controllo “vero” della qualità delle acque di falda e dei suoli
Dott. GIAN PAOLO DROLI, Studio Idrogeologico Geoeco – LINFA, Udine

10.30-11.00 Costruzione del consenso con le PP.AA. nel momento dell’emergenza ambientale: continuare l’attività produttiva, minimizzare i costi di bonifica
Dott. CHRISTIAN BOTTIN, P.I. ALFREDO PETRACCHIN, Dott. ALESSANDRO VALMACHINO, Programma Ambiente srl (gruppo Eurofins), Padova

11.00-11.15 DISCUSSIONE
11.15-11.30 COFFEE BREAK

11.30-12.00 Dall’avvio della procedura amministrativa all’approvazione del progetto fino alla certificazione dell’intervento di bonifica: alcuni casi di specie
Dott. ALBERTO MILANI, ARCADIS SET srl, Buccinasco (MI)

12.00-12.30 L’importanza degli studi propedeutici ai piani di caratterizzazione anche ai fini della validazione e del monitoraggio delle opere di bonifica
Dott.ssa NICOLETTA DOTTI, U.O. Acque e Bonifiche, Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia, ARPA Lombardia, Milano

12.30-12.45 DISCUSSIONE
12.45-13.45 PRANZO A BUFFET

Presiede: Dott. RICCARDO LEVIZZARI, Dipartimento Ambiente, Cambiamenti globali e Sviluppo sostenibile (ACS), Centro Ricerche ENEA Saluggia, Saluggia (VC)

13.45-14.45 Metodi e approcci concettuali per lo studio e il risanamento dei “plume” inquinanti nelle acque sotterranee
Dott. RICCARDO LEVIZZARI, Dipartimento Ambiente, Cambiamenti globali e Sviluppo sostenibile (ACS), Centro Ricerche ENEA Saluggia, Saluggia (VC)

14.15-14.45 Approccio multidisciplinare per lo studio idrogeologico di un sistema complesso: tomografia elettrica, geochimica e isotopi stabili nel caso di Porto Marghera
Dott.ssa NICOLETTA CAVALERI, Dipartimento di Scienze Ambientali, Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, Università Ca’ Foscari, Venezia

14.45-15.15 Analisi statistica di dati di monitoraggio delle acque sotterranee: applicazione ad un caso di studio nel nord d’Italia
Ing. ELENA SEZENNA, Sezione Ambientale, Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Ambientale, Infrastrutture Viarie, Rilevamento (DIIAR), Politecnico di Milano

15.15-15.30 DISCUSSIONE E CONCLUSIONI